Progetto speciale multiasse “Credito d’imposta per l’occupazione”

E’ stato pubblicato questa mattina, l’avviso del progetto speciale multiasse “Credito d’imposta per l’occupazione”, programmato nel Piano Operativo del Fondo Sociale Europeo Abruzzo 2007/13, con il quale l’assessorato al Lavoro mette a disposizione delle imprese abruzzesi 4 milioni di euro di incentivi per l’assunzione a tempo indeterminato di lavoratori svantaggiati e molto svantaggiati.
Il progetto, finalizzato all’incremento dei livelli occupazionali regionali, viene adottato in attuazione del Decreto Interministeriale del 24 maggio 2012, che prevede la concessione di un credito di imposta per la creazione di lavoro stabile nel Mezzogiorno.
“Prima con ‘Lavorare in Abruzzo 2’, poi con ‘Giovani (in)determinati’ e adesso con ‘Il Credito d’Imposta’ – ha commentato l’assessore Paolo Gatti – nel solo 2012 abbiamo già messo a disposizione delle imprese dell’Abruzzo ben 24 milioni di euro per incentivare all’assunzione a tempo indeterminato tutte le tipologie di lavoratori. Risorse destinate ad abbattere la precarietà del lavoro giovanile e femminile, a dare un’opportunità di reinserimento agli uomini e alle donne, anche over 55, espulsi dal mercato del lavoro. Non abbiamo lasciato nessuna categoria di lavoratori scoperta dalla possibilità di usufruire di incentivi per poter cogliere l’opportunità di un lavoro solido e stabile. Sono fiducioso che le imprese abruzzesi possano rispondere in modo positivo, come fatto con ‘Lavorare in Abruzzo 2’, anche a questo avviso che dimezza il costo lavorativo dei neo assunti per 12 o 24 mesi, a seconda delle categorie incentivate. La Regione e le forze sociali stanno concordando insieme una serie di interventi e politiche concrete per fronteggiare la crisi. Abbiamo a disposizione munizioni limitate, – ha concluso l’assessore – ma stiamo scegliendo bene quando sparare e dove mirare per abbattere i mostri del lavoro precario e della disoccupazione”.
Infine, il testo dell’avviso. Sono ammessi agli incentivi i lavoratori che, alla data dell’assunzione risultino residenti presso un Comune della regione Abruzzo, oppure iscritti all’AIRE (anagrafe della popolazione italiana residente all’estero) e che facciano parte della categorie lavoratori svantaggiati e molto svantaggiati.

Clicca qui per approfondire la notizia